Comune di San Secondo di Pinerolo (TO)
Via Bonatto, 3 - C.A.P. 10060
Tel 01215038 - Fax 0121503817

Dato l’eccezionale successo e il particolare interesse dei visitatori la Fondazione Cosso comunica che la mostra “I Volti e l’anima. Lorenzo Lotto”, ideata e curata da Vittorio Sgarbi al Castello di Miradolo, viene prorogata fino al prossimo 2 marzo 2014.

Pittore di straordinaria intensità e modernità Lorenzo Lotto nasce a Venezia intorno al 1480, in un ambiente culturale monopolizzato da Giovanni Bellini, Giorgione e Tiziano, e muore a Loreto nel 1556, in un clima dominato dall’urgenza di rinnovamento e quando i venti del Concilio di Trento iniziavano a soffiare con forza. Incapace di adeguarsi al linguaggio rinascimentale veneziano, intraprende il suo peregrinare verso altri lidi “di terra ferma” alla ricerca di uno spazio vitale in cui esprimersi senza troppi rivali. Da Treviso a Bergamo, da Recanati a Roma e poi Loreto per incantarci con capolavori assoluti di forte coinvolgimento, perché Lorenzo era capace di dipingere “istantanee psicologiche” e sapeva “ritrarre gente prosperosa e soddisfatta, gente pensosa e sensibile o malinconica e sofferente. Forse nessun altro artista ci offre la varietà di tipi che troviamo nelle serie dei ritratti di Lotto”, come ben ricorda il suo “scopritore” contemporaneo e biografo d’eccellenza, Bernard Berenson. L’uomo Lotto si riflette nella sua pittura che rispecchia la sua solitudine, lo sconforto e la delusione, tanto è vero che si sente “solo, senza fidel governo et inquieto della mente” e si fa oblato alla Santa Casa di Loreto l’8 settembre 1554, dove vivrà gli ultimi due anni della sua vita, forse i più sereni, dipingendo per i confratelli del santuario mariano.

La mostra della Fondazione Cosso si compone di 13 preziose opere assai rare e difficilmente esposte insieme che percorrono la vicenda pittorica dell’artista dalla giovinezza alla maturità. A tal proposito Vittorio Sgarbi afferma: “la mostra di Miradolo mostra tanti volti del Lotto ritrattista, tante ansie di un pittore pronto a capire tutto quello che l’arte del suo tempo gli propone, a partire dai maestri veneziani per arrivare a Raffaello e infine una decadenza nella maturità. Una decadenza che non è nel segno della mortificazione della pittura, bensì un modo per entrare in una dimensione nuova, un’ascesi della pittura che rinuncia ad essere gradevole e piacevole per diventare pensosa, una pittura che ha una sua profondità di riflessione filosofica; quella propria della maturità di Lorenzo Lotto”.

Divisa in due differenti sezioni, l’esposizione propone i “volti”, quindi alcuni straordinari ritratti in cui, come ricorda Sgarbi, “i personaggi di Lorenzo Lotto sono disarmati, a cuore nudo”, e l’“anima”, con grandi pale d’altare e quadri di collezionismo privato di carattere religioso. Le opere provengono da alcune collezioni private, da prestigiose sedi museali, quali il Castello Sforzesco di Milano, l’Accademia Carrara di Bergamo, il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo di Roma, il Palazzo del Quirinale, dalla chiesa parrocchiale di Sedrina nella bergamasca  e da quella di Giovinazzo nel barese.

Quattro gli straordinari ritratti esposti al Castello di Miradolo: l’elegante e pensieroso Ritratto di giovane, proveniente dalla collezione Cavallini Sgarbi; il Ritratto di gentiluomo con lettera, riconosciuto come Fioravante Avogaro, custodito in una collezione privata e difficilmente visibile al grande pubblico; il profilo “con quell’occhio grande come quello d’un ciclope” del Ritratto di giovane con libro di Milano; la splendida ma enigmatica Lucina Brembati della Carrara.

Al Castello di Miradolo potremo godere dell’intimità delle opere di Lorenzo Lotto, dialogando a tu per tu con i personaggi dipinti, cercando di entrare nelle loro vite, nella loro inquietudine e nel loro vivere quotidiano per scoprire la personalità del pittore e condividere, in un processo di immedesimazione, la psicologia degli sguardi. L’intensità, la dolcezza, la tenerezza dei volti così come i dettagli, i particolari, i simboli divengono i soggetti di scenografie video che accompagnano la visita e che sottolineano gli elementi pittorici presenti nelle tele. L’allestimento sonoro, attraverso rivisitazioni e suggestioni musicali del secolo scorso, ricerca affinità e corrispondenze con i soggetti delle opere esposte o con la personalità complessa e tormentata di Lorenzo Lotto.

Le osservazioni, l’analisi, le riflessioni del professor Vittorio Sgarbi, in due video appositamente realizzati, arricchiscono il percorso espositivo di nuovi spunti di approfondimento e ricerca.

Date
Dal 6 ottobre 2013 al 2 marzo 2014

Orari
Mercoledì, giovedì e venerdì dalle 14 alle 18.00 (mattino aperto su prenotazione per gruppi e scolaresche)
Sabato, domenica e lunedì dalle 10 alle 18.30
Chiuso il martedì.

Costi
intero € 8,00
ridotto € 6,00 per gruppi, convenzionati, studenti fino a 26 anni, over 65, militari
ridotto € 3,00 per bambini sotto i 14 anni
gratuito per i bambini fino a 6 anni e i titolari dell’Abbonamento Musei

Per maggiori informazioni su visite guidate per gruppi, momenti di approfondimento e concerti consultare il sito o telefonare al numero 0121/502761.

Info www.fondazionecosso.com/category/lamostra/

 

Comune di San Secondo

di Pinerolo

Via Bonatto, 3 - C.A.P. 10060

Tel 01215038 - Fax 0121503817

P.E.C.:

protocollo@pec.comune.sansecondodipinerolo.to.it

E-mail:

uffici@comune.sansecondodipinerolo.to.it

P.I. e C.F.: 02039660010


Estensione territoriale: 12,62 Km2

Popolazione: 3.632 (al 31/12/2017)

Altitudine media: 423 m (s.l.m.)

Latitudine: 44.866679

Longitudine: 7.298805

Comuni limitrofi: Porte, Pinerolo, Osasco, Bricherasio, Prarostino, San Germano Chisone

Frazioni: Airali, Miradolo

Gemellato con il comune:

Carlos Pellegrini (Santa Fe - Argentina) 


 

| Note Legali | Accessibilità | Privacy |


Siti tematici

Unione Montana del Pinerolese

Torino Metropoli

Regione Piemonte

Comune Carlos Pellegrini

Fondazione Cosso
Rete Comuni Solidali

U.S. San Secondo a.s.d.

Notizie Web

Newsletter dal comune

NOTA! Questo sito utilizza cookie tecnici.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu'

Approvo